Anno di Costituzione:
Costituita con atto notarile in data 10 ottobre 1947

Tipo di Associazione:
OPERA FIGLI DEL POPOLO, Associazione civile per l'assistenza educativa e sociale alla gioventù. Riconoscimento della personalità giuridica in data 25 novembre 1947 .
Iscritta al Tribunale di Trieste in data 1 dicembre 1947 al n.36 del registro delle persone giuridiche. 
L'attuale STATUTO dell'Associazione è stato approvato dal Presidente della Giunta Regionale della "Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia" in data 29 dic. 1998

Di seguito si riportano gli articoli del capo primo: NATURA E FINALITA'
Articolo 1 – L’”OPERA FIGLI DEL POPOLO – per l’assistenza educativa e sociale della gioventù” più brevemente denominata ”OPERA FIGLI DEL POPOLO”, con sede a Trieste, Largo Papa Giovanni XXIII numero 7, è una Associazione che si propone, ispirandosi alla concezione cristiana dell’uomo e della vita, l’assistenza educativa e sociale dei giovani e famiglie, privilegiando quei soggetti che si trovano in situazione di degrado sociale ed economico. La formazione della persona, lo sviluppo della solidarietà sociale, la promozione culturale e la valorizzazione dell’ambiente sono i fini verso cui tenderanno le attività svolte e promosse dall’Associazione.
L’Associazione non ha fini di lucro.
Articolo 2 – L’Opera potrà realizzare in questo campo un’attiva collaborazione con le autorità, con gli enti locali e nazionali, con Associazioni e organizzazioni locali e nazionali che perseguano analoghe attività di promozione sociale e culturale e che svolgono attività affini a quelle dell’associazione.
Articolo 3 – L’Associazione Opera Figli del Popolo per conseguire le proprie finalità agisce indistintamente in tutti i settori che consentono di fornire alla persona, ed al giovane in particolare, una promozione culturale e sociale, una formazione ai principi di attiva solidarietà e una valorizzazione della socialità e dell’ambiente.
In particolare opera attraverso:
a )    Attività educative: studio ed esecuzione di iniziative atte a rafforzare il carattere, l’autodisciplina, il senso del dovere, l’amore alla famiglia, alla patria, allo studio, al lavoro, alla cultura ed all’igiene, nonché il sentimento cristiano della solidarietà sociale;
b )    Attività di assistenza sociale e sociosanitaria: allestimento di nidi ed asili, di doposcuola, di mense doposcuola, sussidi scolastici, assistenza sanitaria con ambulatorio, colonie marine e montane, collegi per orfani ed indigenti, strutture ricettive per studenti medi, universitari e giovani lavoratori;
c )    Attività di formazione e istruzione: allestimento di doposcuola, corsi post elementari d’avviamento e d’orientamento professionale, assistenza scolastica nei vari gradi di istruzione, sussidi per l’istruzione (films, conferenze con proiezioni, mostre didattiche, visite d’istruzione per la valorizzazione del patrimonio culturale artistico e storico, biblioteche circolanti);
d )    Attività ricreative: valorizzazione del tempo libero attraverso l’approntamento di ricreatori, bagni, strutture ricettive per consentire ed agevolare il turismo giovanile, sociale, scolastico, soggiorni montani e marini, campi sportivi, promozione di attività escursionistiche volte alla conoscenza ed alla salvaguardia dell’ambiente e dei beni naturali;
e )    Attività sportive e ludico ricreative: svolgimento di attività sportive e motorie rivolte ai giovani, e realizzazione di strutture allo scopo dedicate che consentano anche alle fasce deboli della società di fruire di tali servizi;
f )      Avviamento dei giovani a istituzioni già attrezzate, come ricreatori, scuole, collegi, associazioni educative, doposcuola, ecc.;
g )    Realizzazione di iniziative atte alla preparazione di personale specializzato per realizzare le attività indicate in precedenza.

L'Associazione è stata fondata da Mons. Edoardo Marzari con la precisa finalità i rappresentare un punto di riferimento per i molti ragazzi e giovani che alla fine del conflitto si trovarono a dover affrontare, spesse volte privi di famiglia e comunque sempre di mezzi, i difficili anni della ricostruzione.
Terminata la fase dell'emergenza l'attività continuò in favore di giovani provenienti dalla città, dalla regione, da altre parti del paese, ed in alcuni casi anche dall'estero.

Mons. Marzari, fu promotore in quegli anni difficili di altre iniziative cittadine quali la costituzione della Lega Nazionale, del Circolo della Cultura e delle Arti, dei Sindacati Liberi Giuliani,delle A.C.L.I., riuscì a reperire i mezzi per acquisire il palazzo e, successivamente ricostruirne la parte bombardata; già nell'estate del 1945 cominciò ad accogliere nell'edificio centinaia di giovani provenienti dall'Istria e dalla Dalmazia. Fin dall'inizio questa iniziativa venne chiamata "Famiglia Giovanile Auxilium" a significare che si intendeva costruire una comunità di lavoro civico e sociale basata sull'aiuto reciproco: il primo germoglio dell'Associazione che sviluppatasi negli anni ha di continuo aggiornato le proprie iniziative per supportare ed aiutare i giovani della città e della regione, specialmente quelli provenienti da famiglie in disagiate condizioni economiche.
Terminata la fase dell'emergenza l'attività continuò in favore di giovani provenienti dalla città, dalla regione, da altre parti del paese, ed in alcuni casi anche dall'estero.

Il 25 aprile 2004 il Presidente della Repubblica Italiana, Carlo Azeglio Ciampi, ha conferito alla memoria di Mons. Edoardo Marzari la Medaglia d'Oro al Merito Civile. Il nostro periodico lo ha ricordato così:

                                               

(N.B.: Per visualizzare la pagina selezionarla)

Il nostro periodico ha pubblicato degli inserti:
    in occasione del trentennale della scomparsa del Fondatore per commemorare i 100 anni dalla sua nascita         

                                        uno dedicato al suo indimenticato collaboratore "sior Travan"          

                                                                                             ed uno per i 60 anni dalla fondazione dell'Associazione